LIFE BiMoP - Bio-inspired thermo/UV curable monomers and polymers

Vi è un crescente interesse nel migliorare la gestione delle risorse naturali a livello nazionale, regionale e globale, per ridurre gli sprechi e l'inquinamento. Le risorse naturali rinnovabili possono essere sfruttate come fonte per la produzione di prodotti biodegradabili, che potrebbero sostituire molte delle sostanze chimiche pericolose esistenti. Questo implica la necessità di un cambiamento strutturale delle strategie da adottare da parte dell'industria chimica. La chimica verde si propone di avviare un cambiamento basato sull’uso di materie prime derivanti da fonti rinnovabili per la produzione di prodotti chimici "verdi".

Oggi le biomasse sono utilizzati nella fabbricazione di materiali bioplastica, tensioattivi e prodotti chimici composti farmaceutici. Le bioplastiche termine oggi indicano una famiglia di materiali che differiscono dalle plastiche convenzionali in quanto sono biodegradabili e compostabili.
Il termine biodegradabile si riferisce ad un processo chimico operato da microrganismi disponibili nell'ambiente per convertire bioplastiche in acqua e anidride carbonica. Le bioplastiche sono utilizzate in molte applicazioni industriali come la produzione di bottiglie, pellicole, sacchetti ecc
Ci sono due principali vantaggi nell’uso delle bioplastiche rispetto ai quelle convenzionali: risparmiano risorse fossili utilizzando biomassa che si rigenera fornendo un impatto ambiente nullo o molto basso. Inoltre, la biodegradabilità è una proprietà aggiuntiva, che offre ulteriori mezzi di recupero al termine della vita di un prodotto.


Il principale aspetto innovativo del progetto BiMoP è la dimostrazione della fattibilità per la produzione di monomeri / oligomeri utilizzando l’acido itaconico (IA) e suoi derivati, prodotti da biofermentazione di barbabietola da zucchero, come substrati più economici e alternativa all'uso di sostanze chimiche nocive per la salute dell’uomo o inquinanti


I monomeri e polimeri a base di IA nel progetto BiMoP sono usati per produrre adesivi, inchiostri e vernici da utilizzare con le bioplastiche più comuni oggi utilizzate negli imballaggi per uso alimentare, come per es. l'acido polilattico (PLA), in modo da mantenere le proprietà biodegradabili e compostabili richiesti dalla norma UE EN 13432.

News ed Eventi

advanced polymer materials